Vai al contenuto


Foto

Quanto Conta Per Voi La Fede?


  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 440 risposte

#1 muscle_priest

muscle_priest

    introdotto :.

  • Membri
  • Stella
  • 65 Messaggi:

Inviato 22 ago 2008 - 16:53

E' azzardato discutere di queste cose?

Se non lo è proviamoci.
' FACCIO IL PUGILATO MA NON COME CHI BATTE L'ARIA' S.Paolo

#2 danser

danser

    marvelous

  • danser
  • 17997 Messaggi:

Inviato 22 ago 2008 - 17:54

Ma va, non è azzardato per nulla, vediamo che ne esce fuori.

Io al momento starò alla finestra, che non sono tanto indicato per approfondire l'argomento.

#3 fabiotuiach

fabiotuiach

    "angelo picchiatore"

  • Membri
  • StellaStellaStella
  • 505 Messaggi:

Inviato 23 ago 2008 - 09:24

Non a caso ho aperto il topic campioni religiosi.. Ti ho anticipato :mira: ma è vero che sei un prete??
Negli ambienti sportivi in generale c'è spesso molta fede e nella boxe in particolare forse ancora di piu..
Forse le persone che si abituano al sacrificio della palestra hanno una predisposizione per la via spirituale..

Avevo letto in un intervista a Clemente Russo che quando era piu giovane voleva prendere la via del seminario, forse tu ne sai di piu, non so se quello che era scritto fosse vero, però ho provato ulteriore stima nei suoi confronti.. A riconferma che il mio topic non fosse fuoriluogo. :cuore2:

Tornando alla tua domanda che forse è un po troppo personale, ti posso rispondere che io, anche se non lo so se sono proprio un cattolico praticante (ogni tanto però vado in chiesa con i miei figli), in questo momento, metto la religiosità al primo posto fra i miei valori.
Dopo un grave lutto ho intrapreso una sorta di ricerca spirituale da prima per darmi un po di pace ma poi piu si ricerca e piu interrogativi arrivano..
Non a caso nelle foto vedrai in ordine per prima quella del filosofo Osho (a simboleggiare questa ricerca), quella della mia famiglia e poi una di quando vinco il titolo italiano..

#4 muscle_priest

muscle_priest

    introdotto :.

  • Membri
  • Stella
  • 65 Messaggi:

Inviato 23 ago 2008 - 10:06

Non a caso ho aperto il topic campioni religiosi.. Ti ho anticipato :mira: ma è vero che sei un prete??
Negli ambienti sportivi in generale c'è spesso molta fede e nella boxe in particolare forse ancora di piu..
Forse le persone che si abituano al sacrificio della palestra hanno una predisposizione per la via spirituale..

Avevo letto in un intervista a Clemente Russo che quando era piu giovane voleva prendere la via del seminario, forse tu ne sai di piu, non so se quello che era scritto fosse vero, però ho provato ulteriore stima nei suoi confronti.. A riconferma che il mio topic non fosse fuoriluogo. :cuore2:

Tornando alla tua domanda che forse è un po troppo personale, ti posso rispondere che io, anche se non lo so se sono proprio un cattolico praticante (ogni tanto però vado in chiesa con i miei figli), in questo momento, metto la religiosità al primo posto fra i miei valori.
Dopo un grave lutto ho intrapreso una sorta di ricerca spirituale da prima per darmi un po di pace ma poi piu si ricerca e piu interrogativi arrivano..
Non a caso nelle foto vedrai in ordine per prima quella del filosofo Osho (a simboleggiare questa ricerca), quella della mia famiglia e poi una di quando vinco il titolo italiano..


Carissimo Fabio, sono veramente un prete. Al contrario di Clemente a me avrebbe fatto piacere fare boxe e poi invece sono entrato in Seminario. Cmq mi sono sono attrezzato in casa e faccio boxe training. Ma ho ancora un desiderio: togliermi lo sfizio di provare l'emozione di salire su un ring e farmi qualche ripresa con un vero pugile....
Cmq, tornando a noi, ho inviato già una risposta al tuo topic e mi fa piacere che tu abbia risposto al mio. Anzitutto complimenti per le castagne che meni e che ho visto su you tube.
Lasciando stare se tu vada a messa oppure no, (quello è un punto di arrivo caso mai) ciò che è imèportante, secondo me, è he tu abbia riscoperto quanto sia fondamentale la dimensione spirituale e quindi il senso religioso. Per cui è importante che tu abbia cominciato a cercare. Il fatto che ti ponga delle domande non ti deve spaventare: l'uomo è fatto per porsi delle domande e il non volersele porre è sintomo di paura e di immaturità. Il fatto che tu questo sia avvenuto in seguito ad un grave lutto devi considerarlo un dono dall'alto: non sempre chi è colpito da fatti angosciosi trova in ciò la svolta per guardare in alto.
Non avere paura degli 'interrogativi': cerca di trovare una risposta.
Cmq è un dialogo che, se vuoi, possiamo continuare.
Nel frattempo, in bocca al lupo per il vicino match.
Antonio

Modificata da muscle_priest, 23 ago 2008 - 10:14.

' FACCIO IL PUGILATO MA NON COME CHI BATTE L'ARIA' S.Paolo

#5 Drago Mavericks

Drago Mavericks

    avanzato :.

  • Membri
  • StellaStella
  • 237 Messaggi:

Inviato 23 ago 2008 - 12:08

Ciao.

Io ho parlato abbondantemente della Bibbia nel topic "Per gli appassionati di storia".
Però mi permetto di darti un piccolo suggerimento: non esiste al mondo termine più complesso da tradurre e definire come la parola "fede".
Se non prima si comprende il significato reale di questa parola, non si potrà altresì comprendere il ruolo (in termini di importanza) che essa riveste su ciascuno di noi nella vita quotidiana.

Molti confondono il "credo" con la "fede" e questo è sbagliato.
Ovviamente sto facendo un ragionamento dottrinale.
Il "credo" rappresenta la sostanza; la "fede" rappresenta la materia.
E pur facendo una forma di analisi approfondita che rispolveri l'aspetto gnoseologico della fede, a cominciare dall'ebraico e dal greco, difficilmente si potrà svelare l'arcano.
Questo è il "mistero della fede".

Inoltre, siccome sei un sacerdote, mi potresti mandare una piccola benedizione (anche soltanto col pensiero)?
Non sto affrontando un periodo facile.

Grazie e ciao.

#6 muscle_priest

muscle_priest

    introdotto :.

  • Membri
  • Stella
  • 65 Messaggi:

Inviato 23 ago 2008 - 12:11

Ciao.

Io ho parlato abbondantemente della Bibbia nel topic "Per gli appassionati di storia".
Però mi permetto di darti un piccolo suggerimento: non esiste al mondo termine più complesso da tradurre e definire come la parola "fede".
Se non prima si comprende il significato reale di questa parola, non si potrà altresì comprendere il ruolo (in termini di importanza) che essa riveste su ciascuno di noi nella vita quotidiana.

Molti confondono il "credo" con la "fede" e questo è sbagliato.
Ovviamente sto facendo un ragionamento dottrinale.
Il "credo" rappresenta la sostanza; la "fede" rappresenta la materia.
E pur facendo una forma di analisi approfondita che rispolveri l'aspetto gnoseologico della fede, a cominciare dall'ebraico e dal greco, difficilmente si potrà svelare l'arcano.
Questo è il "mistero della fede".

Inoltre, siccome sei un sacerdote, mi potresti mandare una piccola benedizione (anche soltanto col pensiero)?
Non sto affrontando un periodo facile.

Grazie e ciao.


Ciao Drago.
Confermo pienamente la tua affermazione: la fede non è il 'credo' ma è un' atteggiamento. Questo è chiarissimo dalla sacra Scrittura.
Se parli così vuol dire che non sei uno sciocco: son pochi che hanno capito cose del genere.
Ti dirò che questo tuo contributo è molto valido per il prosieguo del topic.
Cmq per quanto riguarda la benedizione eè già stata spedita.
Non mollare e cerca di trovare nuove ragioni d fiducia nella vita. (ho letto un po' qualcosa di te)
Antonio
' FACCIO IL PUGILATO MA NON COME CHI BATTE L'ARIA' S.Paolo

#7 Bazooka

Bazooka

    intoccabile :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStellaStellaStella
  • 5188 Messaggi:

Inviato 23 ago 2008 - 14:08

Ma ho ancora un desiderio: togliermi lo sfizio di provare l'emozione di salire su un ring e farmi qualche ripresa con un vero pugile....


Hai praticamente già vinto perchè menare un prete porta male. :cuore2:

Io sono estremamente convinto dell'assoluta inesistenza di qualunque forma di divinità. Ciononostante reputo la fede una cosa positiva se fà avvicinare le persone alla "buona convivenza civile" e riesce a darle una speranza in più. In tal senso la Bibbia riporta un insegnamento "molto importante".

Ciononostante reputo la Bibbia un documento affascinante ma del tutto inattendibile al fine della "ricostruzione storica"... da qui la diatriba con l'amico Drago nel topic sulla storia, giacchè ha una visione più "classica" di questo libro.


Se la si vive nel giusto modo non ho niente contro la religione. E concordo sul fatto che Drago cerchi "benedizioni" se le reputa necessarie. Male non gli fanno di sicuro. :mira:

#8 muscle_priest

muscle_priest

    introdotto :.

  • Membri
  • Stella
  • 65 Messaggi:

Inviato 23 ago 2008 - 14:43

Hai praticamente già vinto perchè menare un prete porta male. :cuore2:

Io sono estremamente convinto dell'assoluta inesistenza di qualunque forma di divinità. Ciononostante reputo la fede una cosa positiva se fà avvicinare le persone alla "buona convivenza civile" e riesce a darle una speranza in più. In tal senso la Bibbia riporta un insegnamento "molto importante".

Ciononostante reputo la Bibbia un documento affascinante ma del tutto inattendibile al fine della "ricostruzione storica"... da qui la diatriba con l'amico Drago nel topic sulla storia, giacchè ha una visione più "classica" di questo libro.


Se la si vive nel giusto modo non ho niente contro la religione. E concordo sul fatto che Drago cerchi "benedizioni" se le reputa necessarie. Male non gli fanno di sicuro. :mira:


Ciao Bazooka....beh non vorrei vincere facile.....altrimenti non c'è sfizio.
Vorrei chiederti due cose per proseguire la discussione:
prova a farmi capire da dove nasce la tua convinzione circa l'esistenza di ogni divinità;
inoltre secondo te da dove scaturisce l'inattendibilità storica della Bibbia?
' FACCIO IL PUGILATO MA NON COME CHI BATTE L'ARIA' S.Paolo

#9 Bazooka

Bazooka

    intoccabile :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStellaStellaStella
  • 5188 Messaggi:

Inviato 23 ago 2008 - 19:03

Ciao Bazooka....beh non vorrei vincere facile.....altrimenti non c'è sfizio.
Vorrei chiederti due cose per proseguire la discussione:
prova a farmi capire da dove nasce la tua convinzione circa l'esistenza di ogni divinità;
inoltre secondo te da dove scaturisce l'inattendibilità storica della Bibbia?


Premetto che è impossibile spiegartelo... sei un uomo di fede e della fede non si può avere una discussione critica. La fede presuppone un abbandono nel mistero e l'attribuzione delle cose di questo mondo ad uno parallelo e soprannaturale che non può essere oggetto di un'analisi razionale. Di per sè una discussione in materia di fede non ha un senso concreto. Io non dispongo di fede alcuna e pertanto mi è del tutto impossibile abbandonarmi nel mistero nè tantomeno ho alcun timore divino da esorcizzare alla maniera dei miei avi. Questo mi consente di guardare alle religioni come una qualunque forma di attività umana, senza per questo dovermi schierare.


Il fatto stesso del perchè viviamo in un mondo "Cristianizzato" ci dice molto su quale possa essere la vera religione. Noi siamo "Cristiani" solo perchè Costantino sconfisse Massenzio sotto le insegne di Cristo. Molti ignorano certi passaggi storici... e si dimenticano che la nostra civiltà non fù insignita dalla fede ma dal "timore" di Dio. Tutti capirono che il Dio Cristiano era più potente solo perchè chi ne portava le insegne era più forte... ovvero Costantino. Di fatto è sempre stato così... i più forti hanno imposto il proprio "credo" ai più deboli e benchè la religione Cristiana professi tutt'altro non presenta comunque eccezioni in tal senso.

Il passaggio da paganesimo a Cristianesimo fù graduale come in tutte le cose, e con l'andare del tempo certi "miti" pagani si mescolarono alle credenze della religione Cristiana. L'attribuzione di particolari capacità e miracoli dei santi "patroni" è la testimonianza dell'antica memoria delle "DIVINITA' MINORI"... Apollo per il sole come Santa Lucia per gli occhi... ecc.. ecc...

Sulla terra sono comparse una moltitudine di divinità, molte perfino più antiche di Yaweh e altre perfino più articolate. Quale fra queste è quella vera??? Possibile che Zeus e i suoi figli, fra i quali "Ercole", fossero solo delle favole a "scopo educativo" e le storie su Yaweh debbano per forza essere vere???

C'è tanto da dire... e la discussione non finirebbe mai... ma alcuni concetti sono importantissimi per uno storico.

La Bibbia si articola in più libri e spesso dà versioni differenti dello stesso accadimento storico.
La principale differenza fra narrazione biblica e ricostruzione storica moderna, stà nel fatto che la seconda si basa anche su testi differenti dall'antico testamento. La Bibbia ci presenta la religione come "rivelata da Dio" e in quanto tale concepita all'interno di un SISTEMA PERFETTO e quindi MONTEISTA fin dal principio.

In realtà studiando la storia del popolo ebraico e ancora più a fondo tutte le popolazioni semitiche che popolavano la mezzaluna fertile anche prima di Mosè si scopre che tale affermazione religiosa EBRAICA fu raggiunta GRADUALMENTE.

Gli ebrei erano una popolazione semitica inferiore e si rifacevano alle credenze dei Sumeri ( non semitici ma dominatori della Mezzaluna fertile ) e degli Accadi ( popolazione semitica ). Paragonando le fonti storiche si è scoperto che Yahweh era un dio minore all'interno di un politeismo che vedeva in ENLIL il Dio superiore. Yahweh inizialmente veniva rappresentato al fianco di un'altra divinità femminile, probabilmente intesa come la figlia.

La Bibbia ci presenta la religione ebraica come "monoteista" fin dal principio mentre la ricostruzione storica ci dice che gli Ebrei partirono da un originario politeismo per raggiungere solo nel VII secolo la forma monoteistica perfetta... LE MOTIVAZIONI??? Sono ovviamente politiche.

L'ascesa di David ( secondo re di Israele ) viene raccontata nella stessa Bibbia in due modi completamente diversi, una lo vede un abile suonatore di Cetra che incantava la corte reale e l'altra lo vede nell'esercito delle tribù israeliane contro il Gigante GOLIA fra i Filistei. In altre parole è un testo che non ha la minima intenzione di "raccontarci una verità storica". Gli scritti di altri popoli confermano solo l'esistenza di David e del suo regno nonchè la sua enorme importanza per questo popolo ai fini di una politica di "unità nazionale".

Ebbene fù dopo questa ascesa che si decise di venerare un unico dio e che fù scelto un dio minore come Yaweh per non imporre il culto di nessuna città. Fu fatto "dio unico" per non imporre il culto delle tribù più forti a quelle più deboli. Di fatto fu imposta la divinità meno scomoda.

In altre parole se Milano avesse conquistato l'Italia non dovrebbe imporre la venerazione di Sant'Ambrogio ma bensì imporre la venerazione di un santo che possa andare bene a tutti. Lo avevo detto sopra: veneriamo i santi come fossero Divinità minori. Il paganesimo non è morto nell'anno zero ma si è mescolato con la nuova religione esattamente come gli Ebrei non divennero monoteisti tutto d'un botto.

Di contro tutto quello che viene raccontanto nella Bibbia ha la solita valenza "educativa" che non mi permetto di "intaccare", ma lungi da me dal considerarla fonte di una "quallche verità storica". Insomma molti degli "insegnamenti" contenuti nella Bibbia mi trovano più che concorde. Però questo libro pretende di darci una risposta du ogni cosa e francamente "risente" tantissimo dei suoi 2000 e passa anni.

La Genesi è a dir poco PATETICA. O meglio... se un uomo del 1400 credeva di avere una costola in meno delle donne poteva anche andarmi bene... ma gli uomini del 2000 che credono "letteralmente" alla Bibbia sfociano nel PATETICO.

Insomma racconterei volentieri ai miei figli la fiaba di cappuccetto Rosso per insegnargli a non credere nelle apparenze; ma mi guarderei bene dal fargli credere che cappuccetto Rosso sia esistita davvero.

Se il dio fosse unico e vero, non sarebbero nate le altre religioni, niente Confucianesimo, niente paganesimo, niente Divinità Maya o Atzeche e niente Buddha. Per non parlare delle divinità egizie delle quali i profeti ebrei copiarono parecchie caratteristiche nei loro racconti.

L'amico immaginario dei bambini si chiama Babbo Natale, quello degli adulti si chiama Dio.

Io semplicemente non ho bisogno di amici immaginari per sentirmi felice.

Modificata da Bazooka, 23 ago 2008 - 19:04.


#10 Chef80

Chef80

    oracolo :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStellaStella
  • 2037 Messaggi:

Inviato 23 ago 2008 - 19:58

Baz, ti quoto in toto, anche io come te ho una visione della vita molto più pratica e meno spirituale... Anche se riconosco alle religioni ed agli uomini di fede un utile funzione sociale di controllo delle masse, essenziale per il viver civile della stragrande maggioranza della popolazione, che senza la minaccia di un inferno probabilmente distruggerebbero e si autodistruggerebbero...
Avrei tante, ma tante critiche da fare alla Chiesa S.P.A. , visto le continue infleunze negative che ha sulla mia vita e su tutto ciò che mi circonda, ma preferisco evitare, e parlare della Chiesa che mi piace, quella di tante persone che seguono una vocazione e armati di una bibbia ed un vangelo cercano di rendere questo mondo migliore. A loro, pur rimanendo convintamente ateo, va tutto il mio amore e la mia stima...

Per quanto riguarda la bibbia ed il vangelo, sono sicuramente degli scritti molto interessanti, ma dal valore storico pressoche inesistente. Il Cristianesimo, proprio per la funzione di controllo delle masse, non ha fatto altro che inglobare tutte i vecchi credi, le vecchie usanze e gli antichi riti pagani, con una storiella che vista senza gli occhi dell'amore è francamnte null'altro che una bella favola...
Prendiamo ad esempio la presunta storia di Gesù Cristo, tratto dal film Zeitgeist, un documentario splendido che fa un pò di chiarezza sul Cristianesimo, l'11 settembre ed in generale il controllo della masse...

http://it.youtube.co...feature=related

http://it.youtube.co...feature=related

http://it.youtube.co...feature=related

Voreei sapere il parere un pò di tutti su questo video, religiosi e non...

#11 muscle_priest

muscle_priest

    introdotto :.

  • Membri
  • Stella
  • 65 Messaggi:

Inviato 23 ago 2008 - 21:35

Premetto che è impossibile spiegartelo... sei un uomo di fede e della fede non si può avere una discussione critica. La fede presuppone un abbandono nel mistero e l'attribuzione delle cose di questo mondo ad uno parallelo e soprannaturale che non può essere oggetto di un'analisi razionale. Di per sè una discussione in materia di fede non ha un senso concreto. Io non dispongo di fede alcuna e pertanto mi è del tutto impossibile abbandonarmi nel mistero nè tantomeno ho alcun timore divino da esorcizzare alla maniera dei miei avi. Questo mi consente di guardare alle religioni come una qualunque forma di attività umana, senza per questo dovermi schierare.


Ciao Bazooka.

Dici ben che non si può avere una discussione critica sulla fede, in quanto atteggiamento' di una persona perchè si tratta di un'esperienza personale. Anche se la fede non va confusa col sentimento religioso che è altra cosa, vorrei dire è la condizione per poi poter avere fede. E' proprio appunto ciò che tu descrivi nella frase che ho quotato qui.

E' opportuno perciò che tu abbia spostato il discorso sulla Scrittura perchè lì è possibile una discussione critica per cogliere la validità e il senso del contenuto della fede.
Poichè la tua risposta è molto complessa e articolata cercherò di affrontare un punto alla volta...nei prossimi giorni.....
' FACCIO IL PUGILATO MA NON COME CHI BATTE L'ARIA' S.Paolo

#12 spillo

spillo

    oracolo :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStellaStella
  • 3211 Messaggi:

Inviato 23 ago 2008 - 22:10

:cuore2: :mira:

Caro Reverendo Muscle, per rispondere a Bazooka, ti ci vorranno un paio di giorni, per comprendere lui, non ti basta una vita :mira:

#13 muscle_priest

muscle_priest

    introdotto :.

  • Membri
  • Stella
  • 65 Messaggi:

Inviato 23 ago 2008 - 22:16

:cuore2: :mira:

Caro Reverendo Muscle, per rispondere a Bazooka, ti ci vorranno un paio di giorni, per comprendere lui, non ti basta una vita :mira:


infatti, ho previsto che ci vorranno tre o quattro giorni...però non mi tirerò indietro
' FACCIO IL PUGILATO MA NON COME CHI BATTE L'ARIA' S.Paolo

#14 fabiotuiach

fabiotuiach

    "angelo picchiatore"

  • Membri
  • StellaStellaStella
  • 505 Messaggi:

Inviato 24 ago 2008 - 09:26

Il fatto che tu questo sia avvenuto in seguito ad un grave lutto devi considerarlo un dono dall'alto: non sempre chi è colpito da fatti angosciosi trova in ciò la svolta per guardare in alto.
Antonio

Belle parole anch'io la penso così..

Non penso si deve guardare tanto alle varietà delle religioni, forse il messaggio finale è lo stesso..
In questo mondo è passata gente che si è illuminata e ha cercato di lasciare questo messaggio, Gesù, Buddha, Maometto e molti altri, a noi va la ricerca della giusta interpretazione, non per timore di Dio ma per vivere una vita piena e felice..

#15 Bazooka

Bazooka

    intoccabile :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStellaStellaStella
  • 5188 Messaggi:

Inviato 24 ago 2008 - 12:19

Caro Reverendo Muscle, per rispondere a Bazooka, ti ci vorranno un paio di giorni, per comprendere lui, non ti basta una vita :taunt:


Hi hi hi :4: Anche il nostro amico prete ha capito quanto sono matto.
Comunque dice molto bene Chef80, conosco moltissimi "uomini di fede", preti o frati che nel 90% dei casi sono persone che fanno "molto bene" alla comunità e riconosco al Cristianesimo una funzione fondamentale ed "educativa" da non sottovalutare. Che Sodoma e Gomorra siano state realmente "punite" da Dio non ha fondamento "storico" ma che in quel racconto risieda un insegnamento importante contro la "perversione" e "l' autodistruzione" non lo si può negare.

Ribadisco che il mio atteggiamento è quello di colui che ricerca la "verità assoluta", ma tantissime altre persone hanno bisogno di una "guida" e una "ricerca spirituale"... spesso tutto questo viene fatto nella maniera giusta, altre volte meno. Semplicemente oggi abbiamo gli strumenti per dividere "verità storica" da "mito religioso": oggi sappiamo la verità; questo comunque non dovrebbe impedire, a chi la reputa necessaria, la "propria ricerca spirituale".
Mio nonno era convinto che l'Iliade raccontasse una "storia" assolutamente "reale" e "inattaccabile"; oggi sappiamo bene che non è così e che la TROIA VIIb ritrovata negli scavi di Schlieman e dai suoi successori non fù distrutta a causa di una guerra.
L'Iliade è un testo bellissimo e un documento importantissimo ma esattamente come la Bibbia non fù scritta per raccontarci "la storia".


... non per timore di Dio ma per vivere una vita piena e felice.


Ovviamente questo mi trova d'accordo. Ben venga se questo è il fine.


P.S: Tornando alla Boxe caro reverendo "muscle" si ricordi che non è giusto convincere i parrocchiani a suon di "guanti" per affrontare le spese della chiesa!!! :hug: A parte gli scherzi apprezzo la sua "apertura mentale" nei confronti di questo sport.

#16 fabio

fabio

    oracolo :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStellaStella
  • 3793 Messaggi:

Inviato 24 ago 2008 - 12:38

non centra molto, ma io ero convinto che la guerra contro Troia da parte dei greci fosse un fatto reale e ho sentito molta gente che la pensa come me......
LA BOXE E' UN PO' COME IL JAZZ. MEGLIO E', MENO GENTE L' APPREZZA.

George Foreman.

#17 Chef80

Chef80

    oracolo :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStellaStella
  • 2037 Messaggi:

Inviato 24 ago 2008 - 13:20

Belle parole anch'io la penso così..

Non penso si deve guardare tanto alle varietà delle religioni, forse il messaggio finale è lo stesso..
In questo mondo è passata gente che si è illuminata e ha cercato di lasciare questo messaggio, Gesù, Buddha, Maometto e molti altri, a noi va la ricerca della giusta interpretazione, non per timore di Dio ma per vivere una vita piena e felice..


D'accordo sull'utilità sociale, ed anche sul fatto che la fede per alcuni è un modo per avere una vita piena è felice. Credo che ogniuno sia libero di scegliere la propria strada verso la felicità, tutti però, non solo chi crede. Purtroppo anche nella chiesa cristiana vige la stessa legge non scritta ahimè comune alle altre religioni, tutto ciò che non è affine è schierato a Dio ed agli scritti sacri è da proibire e condanare con la forza. Questo è quello che non perdono alla Chiesa, la continua intromissione verso chi non crede.
Voglio dire, sei cristiano? Bravo, Credi in Dio? ancora più bravo, ma perchè devi venire ad influenzare la mia vita? Hai il tuo Dio, veneralo, amalo, seguilo, ma non obbligare me a vivere secondo le tue leggi.
Le motivazioni di questa continua influenza sono politiche ed economiche, lunghissime da analizzare....

Se si parla di Gesù, però, ormai è cosa nota che non sia mai esistito, è solo una storiella, riposto il link della parte di zeitgeist che senza alcun problema racconta da dove nasce la storiella del figlio di Dio...

http://it.youtube.co...feature=related

"Don", dopo aver cercato le risposte alle domande di Baz, vorrei sapere un suo commento su questo video...
E naturalemnte mi unisco ai complimenti di Baz verso la sua apertura alla boxe ed al valore educativo che gli riconosce. :taunt: :4: :hug:

Modificata da Chef80, 24 ago 2008 - 13:33.


#18 muscle_priest

muscle_priest

    introdotto :.

  • Membri
  • Stella
  • 65 Messaggi:

Inviato 24 ago 2008 - 15:36

D'accordo sull'utilità sociale, ed anche sul fatto che la fede per alcuni è un modo per avere una vita piena è felice. Credo che ogniuno sia libero di scegliere la propria strada verso la felicità, tutti però, non solo chi crede. Purtroppo anche nella chiesa cristiana vige la stessa legge non scritta ahimè comune alle altre religioni, tutto ciò che non è affine è schierato a Dio ed agli scritti sacri è da proibire e condanare con la forza. Questo è quello che non perdono alla Chiesa, la continua intromissione verso chi non crede.
Voglio dire, sei cristiano? Bravo, Credi in Dio? ancora più bravo, ma perchè devi venire ad influenzare la mia vita? Hai il tuo Dio, veneralo, amalo, seguilo, ma non obbligare me a vivere secondo le tue leggi.
Le motivazioni di questa continua influenza sono politiche ed economiche, lunghissime da analizzare....

Se si parla di Gesù, però, ormai è cosa nota che non sia mai esistito, è solo una storiella, riposto il link della parte di zeitgeist che senza alcun problema racconta da dove nasce la storiella del figlio di Dio...

http://it.youtube.co...feature=related

"Don", dopo aver cercato le risposte alle domande di Baz, vorrei sapere un suo commento su questo video...
E naturalemnte mi unisco ai complimenti di Baz verso la sua apertura alla boxe ed al valore educativo che gli riconosce. :taunt: :4: :hug:



Carissimo Chef80, Ti ringrazio anzitutto per i complimenti circa il mio apprezzamento verso la boxe. E' uno sport che mi ha sempre appassionato e che nel mio piccolo provo a praticare avendo attrezzato un anjgolo della mia casa con heavy bag, speed bag e double end bag, con tanto di guantoni, corda, pesetti e timer: mi manca solo l'ebbrezza di salire su un ring ed è quello che spero di poter fare una volta per togliermi lo sfizio. Son contento di trovarmi su questo forum dopo aver vagato a lungo sul web in cerca di un forum italiano sulla boxe.

Ho visto il video che mi hai inviato e avrei qualche osservazione da fare premettendo il mio apprezzamento per aver voluto intervenire nella discussione. Sia chiaro che rispetto profondamente le idee altrui e trovo sempre interessante discutere con chi la pensa diversamente da me.
:

Il difetto principale del video è la seguente affermazione: Gesù E' nato il 25 dicembre. In realtà Gesù non è nato il 25 dicembre ma questa data fu scelta nel IV secolo per introdurre nella Chiesa la festa del Natale. E' noto che il motivo dell'introduzione della festa fu quello di celebrare la divinità di Cristo fin dalle origini e la scelta cadde di proposito al 25 dicembre per indicare che non altri dèi, ma Cristo è il vero Dio-sole che illumina il mondo.
Per cui la Chiesa non ha mai affermato che Cristo sia nato il 25 dicembre ma ha scelto questa data per un motivo dottrinale e pedagogico. Ciò non toglie che la Chiesa già venerasse prima Maria come vergine Madre, come risulta già dagli scritti del Nuovo testamento, e Cristo come 'sole di giustizia' senza che esistesse una festa del Natale celebrata il 25 dicembre.

Il secondo difetto è quello di presumere che il Natale e la Pasqua come feste abbiano avuto un'origine contemporanea. Per cui la festa di Pasqua sarebbe motivata da quella di Natale. In realtà è il contrario. La Chiesa ha celebrato la Pasqua fin dall'inizio tanto è vero che già nell'anno 150 d.C., quando ancora non esisteva la festa del Natale e quando cmq la fede in Cristo Figlio di Dio era un dato di fatto, ci fu una controversia sulla data della Pasqua sollevata da papa Vittore I che coinvolse oriente ed occidente. Il sorgere della controversia presuppone che questa festa la si celebrasse già da tempo. Il ragionamento astronomico che mette il relazione, assecondando i movimenti delle stelle, il Natale e l Pasqua non è quindi sostenibile. Sarebbe sostentibile qualora le due feste fossero nate insieme o cmq se il Natale avesse preceduto la Pasqua. Ma è noto che nei primi tre secoli la Chiesa non ha celebrato la festa del natale pur essendoci già fin dal I secolo testimonianze che professavano la divinità del Figlio.
C'è poi da dire che la Pasqua non è stata inventata dai cristiani bensì dagli Ebrei. Essa era in origine una festa legata non ai cicli naturali ma ai cicli pastorali essendo israele un popolo di pastori. Ma il popolo di Israele l'aveva già resa una festa storica in cui si ricordava un preciso evento storico certamente 'mitizzato' ma non nel senso di 'invenzione' bensì nel senso dell' 'epicizzazione' delle origini storiche della loro identità di popolo: la liberazione dei loro antenati da una condizione di schiaivutù in Egitto Per giunta c'è da sottolineare che non esiste nella vicenda storico-religiosa degli ebrei alcun riferimento al culto del sole. Per Israele il sole è 'opera di Dio' come risulta dal racconto della creazione di Genesi e serve 'soltanto' a dividere il giorno dalla notte. Ora la pasqua cristiana ha il suo fondamento nella Pasqua ebraica che , an he se avesse avuto ai primordi della sotria di Israele qualche addentellato di tipo naturale era ormai legata ad una vicenda storica: per questo basta leggere il rito della Pasqua ebraica. Studiosi insigni e pre giounta anche non confessionali leggono nel mito l'esaltazione esasperata della storia e certamente la messa in legame tra il livello storico e quello sovrastorico che è tipico dei popoli religiosi.

Il terzo difetto del video , che ricorre spesso in questi tipi di produzione, è quello di non citare le fonti delle affermazioni. Se è vero che molte delle divinità citate sono legate ai cicli della morte e della vita nessuna di esse, per quanto io ne sapessi dai miei studi e da ricerche effettuate sul web è stata crocifissa. I siti che esistono e parlano di queste cose ugualmente non riportano le fonti.

Cmq questo è un tentativo di risposta con dati alla mano.
' FACCIO IL PUGILATO MA NON COME CHI BATTE L'ARIA' S.Paolo

#19 muscle_priest

muscle_priest

    introdotto :.

  • Membri
  • Stella
  • 65 Messaggi:

Inviato 24 ago 2008 - 15:45

Hi hi hi :hug: Anche il nostro amico prete ha capito quanto sono matto.
Comunque dice molto bene Chef80, conosco moltissimi "uomini di fede", preti o frati che nel 90% dei casi sono persone che fanno "molto bene" alla comunità e riconosco al Cristianesimo una funzione fondamentale ed "educativa" da non sottovalutare. Che Sodoma e Gomorra siano state realmente "punite" da Dio non ha fondamento "storico" ma che in quel racconto risieda un insegnamento importante contro la "perversione" e "l' autodistruzione" non lo si può negare.

Ribadisco che il mio atteggiamento è quello di colui che ricerca la "verità assoluta", ma tantissime altre persone hanno bisogno di una "guida" e una "ricerca spirituale"... spesso tutto questo viene fatto nella maniera giusta, altre volte meno. Semplicemente oggi abbiamo gli strumenti per dividere "verità storica" da "mito religioso": oggi sappiamo la verità; questo comunque non dovrebbe impedire, a chi la reputa necessaria, la "propria ricerca spirituale".
Mio nonno era convinto che l'Iliade raccontasse una "storia" assolutamente "reale" e "inattaccabile"; oggi sappiamo bene che non è così e che la TROIA VIIb ritrovata negli scavi di Schlieman e dai suoi successori non fù distrutta a causa di una guerra.
L'Iliade è un testo bellissimo e un documento importantissimo ma esattamente come la Bibbia non fù scritta per raccontarci "la storia".




Ovviamente questo mi trova d'accordo. Ben venga se questo è il fine.


P.S: Tornando alla Boxe caro reverendo "muscle" si ricordi che non è giusto convincere i parrocchiani a suon di "guanti" per affrontare le spese della chiesa!!! :hug: A parte gli scherzi apprezzo la sua "apertura mentale" nei confronti di questo sport.



ehehe, caro Bazooka, grazie a Dio non ho mai avuto la necessità di ricorrere ai guantoni per chiedere la generosità dei parrocchiani, anzi,a volte devo frenarli con la forza altrimenti loro vorrebbero fare anche troppo.
Ti ribadisco la passione e l'apprezzamento personali verso la boxe. Io son stato anche educatore in Seminario e ritengo che una delle prove che un giovane dovrebbe affrontare per mettere alla rpvoa la vocazione al sacerdozio dovrebbe essere quella di inforcare i guantoni e salire sul ring...ma mi rendo conto che il mio ambiente non è ancora pronto per cose del genere. Cred che se questo si facesse si potrebbero smascherare molte false vocazioni.

Cmq ero certo che tu fossi un uomo alla ricerca della verità. Io son convinto che una comprensione adeguata e corretta del messaggio biblico non possa non aiutare in questa ricerca. Dici bene a proposito di bSodoma e Gomorra: è un racconto dal messagio profondamente didattico. Ma , tanto per cominciare a risponderti nella Sacra Scrittura, così come in tutte le letterature di questo modno esistono i cosiddetti generi letterari, cioè modi letterari diversi di comunicare la verità. Essi nascono comunque in senso all'esperienza storica di un popolo, non sono cioè calati dall'alto, e tras gli altri esiste nella Scrittura anche il genere letterario 'storico' . L'errore è avere un approccio alla Scrittura che dimentichi questo dato di fatto. E' lì che nascono le confusioni.

L'Iliade è un racconto epico, ma è ben noto ce dietro l'Iliade c'è la storia dell'espansione delle tribu elleniche in Asia Minore, dato storico di fatto che poi è stato, per usare termini da palestra 'pompato' al massimo. Anche lì èp necessario un lavoro di critica per scoprire il cosiddetto 'nucleo storico'

Questa è una rpima risposta di tipo metodologico che ritengo utile per affrontare gli altri problemi da te opportunamente sollevati..


poi ..una cosa alla volta.......mi sento quasi un pugile messo alle corde da un'azione martellanete...ma sto cercando di reagire. :taunt: :4: :hug:
' FACCIO IL PUGILATO MA NON COME CHI BATTE L'ARIA' S.Paolo

#20 Bazooka

Bazooka

    intoccabile :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStellaStellaStella
  • 5188 Messaggi:

Inviato 24 ago 2008 - 16:21

poi ..una cosa alla volta.......mi sento quasi un pugile messo alle corde da un'azione martellanete...ma sto cercando di reagire. :taunt: :4: :hug:


Ma Don io non ho manco iniziato a "scazzottare" :hug: e comunque come pugile dovrebbe "porgere l'altra guancia" e lasciarsi andare alle corde :hug:

Mi permetta di scherzare un pò. ( Non riesco a stare serio oltre i 2 minuti )

Ma , tanto per cominciare a risponderti nella Sacra Scrittura, così come in tutte le letterature di questo modno esistono i cosiddetti generi letterari, cioè modi letterari diversi di comunicare la verità. Essi nascono comunque in senso all'esperienza storica di un popolo


Uhm... la Bibbia non era scritta dagli uomini sotto l'illuminazione divina??? Io ci vedo come lei tutta la cultura ebraica del periodo e quindi di quel popolo e nessun intervento "esterno", divino o meno che sia...

Qualunque mia critica non vuole certo dire che un libro ricco di così tanti insegnamenti e "riferimenti storici" sia da buttare. Tutti i grandi storici atei o meno lo considerano comunque un documento importantissimo... anche se non è certo l'unico.



@ fabio

Guerre a Troia ce ne sono state tante... quella raccontata nell'Iliade non si è mai verificata nè tantomeno Troia era in grado di esercitare un qualche potere sullo stretto dei Dardanelli... Ovviamente tutto questo merita un discorso a parte. Parlo dopo essermi fortemente documentato a suon di saggi di archeologi tedeschi e non.

#21 muscle_priest

muscle_priest

    introdotto :.

  • Membri
  • Stella
  • 65 Messaggi:

Inviato 24 ago 2008 - 16:38

Ma Don io non ho manco iniziato a "scazzottare" :taunt: e comunque come pugile dovrebbe "porgere l'altra guancia" e lasciarsi andare alle corde :4:

Mi permetta di scherzare un pò. ( Non riesco a stare serio oltre i 2 minuti )



Uhm... la Bibbia non era scritta dagli uomini sotto l'illuminazione divina??? Io ci vedo come lei tutta la cultura ebraica del periodo e quindi di quel popolo e nessun intervento "esterno", divino o meno che sia...

Qualunque mia critica non vuole certo dire che un libro ricco di così tanti insegnamenti e "riferimenti storici" sia da buttare. Tutti i grandi storici atei o meno lo considerano comunque un documento importantissimo... anche se non è certo l'unico.



@ fabio

Guerre a Troia ce ne sono state tante... quella raccontata nell'Iliade non si è mai verificata nè tantomeno Troia era in grado di esercitare un qualche potere sullo stretto dei Dardanelli... Ovviamente tutto questo merita un discorso a parte. Parlo dopo essermi fortemente documentato a suon di saggi di archeologi tedeschi e non.



Carissimo Fabio,

quando si sta sul ring anche un prete tira cazzotti...quindi affrontiamoci a viso aperto e senza cautele...non son proprio il tipo che si lascia andare alle corde...a meno che l'avversario non sia più forte di me e allora...pazienza.


Avevi perfettamente ragione quando dicevi che la fede è un fatto non dimostrabile, in relazione all'atteggiamento personale. Ti posso convincere che l Scrittura è stata scritta dal popolo ebraico ed esprime untratto della storia di quel popolo ma certamente non posso costringerti a credere che essa sia stata ispisrata da Dio in un modo che non è 'comprensibile' da parte dell'uomo.

Ho capito benissimo la tua valutazione positiva della Bibbia: era soltanto per approfondire il discorso di tipo storico-letterario la cui soluzione resta comunque importante per una comprensione più autentica del testo e non confusa. Già se possiamo ragionare sul messaggio è un gran risultato: non pretendo di più, sarebbe un voler violentare la tua sana coscienza di uomo e di retto pensatore. Se un giorno riuscirai a credere sarà solo un dono di Dio.

Quanto a Troia esiste un dato di fatto storico: Troia e le tribù achee. Resta il fascino del mistero storico ancora nascosto ma non del tutto.

Cmq percepisco che sei una persona di alto livello, non solo pugilistico.
E..per concludere questa risposta.....togli il LEI da mezzo e diamoci tranquillamente del tu.

Antonio
' FACCIO IL PUGILATO MA NON COME CHI BATTE L'ARIA' S.Paolo

#22 fabio

fabio

    oracolo :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStellaStella
  • 3793 Messaggi:

Inviato 24 ago 2008 - 18:53

il mio prete mi spiego proprio quello che dice nel video, ovvero che il 25 dicembre non è la data di nascita di Gesù , ma la data in cui il sole inizia ad alzarsi nel cielo e per questo questo evento viene fatto coincidre con la data di nascita del messia, proprio perchè è un messaggio di rinascita..... quindi non è un mistero e la chiesa penso non abbia mai sostenuto che il 25 è kla vera data di nascità di gesù..... un' altra cosa, ma la pasqua perchè non cade mai lo stesso giorno?
LA BOXE E' UN PO' COME IL JAZZ. MEGLIO E', MENO GENTE L' APPREZZA.

George Foreman.

#23 muscle_priest

muscle_priest

    introdotto :.

  • Membri
  • Stella
  • 65 Messaggi:

Inviato 24 ago 2008 - 21:33

il mio prete mi spiego proprio quello che dice nel video, ovvero che il 25 dicembre non è la data di nascita di Gesù , ma la data in cui il sole inizia ad alzarsi nel cielo e per questo questo evento viene fatto coincidre con la data di nascita del messia, proprio perchè è un messaggio di rinascita..... quindi non è un mistero e la chiesa penso non abbia mai sostenuto che il 25 è kla vera data di nascità di gesù..... un' altra cosa, ma la pasqua perchè non cade mai lo stesso giorno?


la Pasqua non cade nello stesso giorn perchè viene la data viene calcolata seguendo il calendario lunare, come era usanza ed è ancora oggi presso gli ebrei.
La Pasqua ebraica cade nell notte della prima luna di primavera che può oscillare tra il 22 marzo e il 24 aprile. I cristiani hanno adottato lo stesso sistema celebrando però la Pasqua la domenica successiva alla prima luna piena di primavera, per sottolineare la risurrezione di Cristo avvenuta appunto 'il primo giorno dopo il sabato'.
' FACCIO IL PUGILATO MA NON COME CHI BATTE L'ARIA' S.Paolo

#24 s u g a r

s u g a r

    intoccabile :.

  • Bannato
  • StellaStellaStellaStellaStellaStella
  • 5389 Messaggi:

Inviato 24 ago 2008 - 21:59

Quanto conta la fede in che cosa?(o in chi..)

#25 robert

robert

    .: mod :.

  • robert
  • 18796 Messaggi:

Inviato 24 ago 2008 - 22:36

E' un discorso difficlile da affrontare....diciamo che mi credo un "scusate il gioco di parole" credente ma non praticante da anni e anni.....adesso non so se ho perduto la fede ma in qualcosa credo....sono cattolicissimo e questo mi basta per credere in qualcosa.
Ogni tanto una preghierina al buon Gesù può far solo bene.
Immagine inviata Immagine inviata
"È la ripetizione delle affermazioni che ti porta a crederci. E quella credenza si trasforma poi in una convinzione profonda, e le cose cominciano ad accadere"
(Muhammad Ali)

"Gli eroi sono sempre immortali agli occhi di chi in essi crede. E così i ragazzi crederanno che il Torino non è morto: è soltanto "in trasferta".
(Indro Montanelli)

« Quei due piuttosto che averli alle spalle è meglio averli di fronte, in posizione orizzontale... possibilmente freddi. »
("El Indio" a "Groggy", rivolto ai due cacciatori di taglie)
Gian Maria Volontè!

#26 muscle_priest

muscle_priest

    introdotto :.

  • Membri
  • Stella
  • 65 Messaggi:

Inviato 25 ago 2008 - 08:24

Quanto conta la fede in che cosa?(o in chi..)


è scritto nel titolo: PER VOI
' FACCIO IL PUGILATO MA NON COME CHI BATTE L'ARIA' S.Paolo

#27 Drago Mavericks

Drago Mavericks

    avanzato :.

  • Membri
  • StellaStella
  • 237 Messaggi:

Inviato 25 ago 2008 - 10:33

Quesito grattacapo per Antonio (seguimi con attenzione e dimmi cosa ne pensi).

Io sono ciecamente convinto di una teoria: i pochi riferimenti scritturali dell'Antico Testamento correlati alla figura singolare di Maria sono talmente importanti che la mancata (o superficiale) conoscenza di essi cagionerebbe sincronicamente il collasso del Nuovo Testamento.
Questo spiega la genesi di molteplici "religioni cristiane", che in realtà di cristiano hanno ben poco (abnegando l'importanza di Maria).

Eccoti 2 esempi:

Esempio 1

San Paolo dice che siamo tutti intrisi di peccato.
Ma l'Antico Testamento puntualizza: << Tutta bella sei tu, amica mia, in te nessuna macchia >> (Ct).
La frase menzionata trova compimento nel Nuovo Testamento con la seguente espressione: "Kekaritomene"
(participio perfetto passivo della grammatica greca nonchè aggettivo sostantivato dalla valenza morfologica rarissima).
"Kekaritomene", infatti, significa “graziatissima”.
Ciò significa che la frase di San Paolo è corretta.
Ma non implica assolutamente il fatto che anche Maria sia stata "contaminata".


Esempio 2

<< Alzati, Signore, verso il luogo del tuo riposo; tu e l'arca della tua potenza >> (Sal).
L'arca della potenza di Cristo è Maria, in quanto Ella fu tabernacolo del Corpo di Cristo (poichè lo portò in grembo) e di conseguenza Madre della Chiesa Universale.
In un certo senso, questa frase profetizza sia l'ascesa di Cristo e sia l'assunzione di Maria (vedi dogma).
Ciò significa che la frase di San Paolo è corretta, quando sostiene che "il sangue e la carne non potranno ereditare il Regno di Dio".
Ma non implica assolutamente il fatto che Maria non possa essere stata assunta in cielo con anima e corpo.


Caro Antonio, lo capisci cosa voglio dire?
La nascita delle chiese evangeliche, valdesi, protestanti, etc... rinviene la propria causa dalla totale mancanza di conoscenza della mariologia biblica.

Ciò significa che molti falsi luminari hanno la pretesa di accostarsi alla cristologia biblica senza prima avere maturato lo studio della mariologia.
E il danno è fatto...

Tu che ne pensi?

Grazie della benedizione.

Modificata da Drago Mavericks, 25 ago 2008 - 10:37.


#28 muscle_priest

muscle_priest

    introdotto :.

  • Membri
  • Stella
  • 65 Messaggi:

Inviato 25 ago 2008 - 11:10

Quesito grattacapo per Antonio (seguimi con attenzione e dimmi cosa ne pensi).

Io sono ciecamente convinto di una teoria: i pochi riferimenti scritturali dell'Antico Testamento correlati alla figura singolare di Maria sono talmente importanti che la mancata (o superficiale) conoscenza di essi cagionerebbe sincronicamente il collasso del Nuovo Testamento.
Questo spiega la genesi di molteplici "religioni cristiane", che in realtà di cristiano hanno ben poco (abnegando l'importanza di Maria).

Eccoti 2 esempi:

Esempio 1

San Paolo dice che siamo tutti intrisi di peccato.
Ma l'Antico Testamento puntualizza: << Tutta bella sei tu, amica mia, in te nessuna macchia >> (Ct).
La frase menzionata trova compimento nel Nuovo Testamento con la seguente espressione: "Kekaritomene"
(participio perfetto passivo della grammatica greca nonchè aggettivo sostantivato dalla valenza morfologica rarissima).
"Kekaritomene", infatti, significa “graziatissima”.
Ciò significa che la frase di San Paolo è corretta.
Ma non implica assolutamente il fatto che anche Maria sia stata "contaminata".


Esempio 2

<< Alzati, Signore, verso il luogo del tuo riposo; tu e l'arca della tua potenza >> (Sal).
L'arca della potenza di Cristo è Maria, in quanto Ella fu tabernacolo del Corpo di Cristo (poichè lo portò in grembo) e di conseguenza Madre della Chiesa Universale.
In un certo senso, questa frase profetizza sia l'ascesa di Cristo e sia l'assunzione di Maria (vedi dogma).
Ciò significa che la frase di San Paolo è corretta, quando sostiene che "il sangue e la carne non potranno ereditare il Regno di Dio".
Ma non implica assolutamente il fatto che Maria non possa essere stata assunta in cielo con anima e corpo.


Caro Antonio, lo capisci cosa voglio dire?
La nascita delle chiese evangeliche, valdesi, protestanti, etc... rinviene la propria causa dalla totale mancanza di conoscenza della mariologia biblica.

Ciò significa che molti falsi luminari hanno la pretesa di accostarsi alla cristologia biblica senza prima avere maturato lo studio della mariologia.
E il danno è fatto...

Tu che ne pensi?

Grazie della benedizione.


Caro Drago,
ho poco da aggiungere a quello che hai detto: si tratta di alcuni riferimenti biblici che la Chiesa ha individuato nell'Antico testsamento a sostegno dei dogmi mariani dell'Immacolata concezione e dell'assunzione.
Non sarei tanto d'accordo sull'ultima affermazione: nel senso che non si può prima maturare lo studio della mariologia e poi accostarsi alla cristologia biblica, piutosto è il contrario. Solo che, a differenza di come si regolano le confessioni di stampo luterano-riformato, le chiese ortodosse e cattolica hanno un approccio alla Bibbia che non trascura il sentire della Chiesa e quind la sua Tradizione. Quest'approccio ha permesso loro di pervenire, mediante lo studio della Bibbia, ad una sana mariologia.
Dico sana perchè non sempre la mariologia cattolica è stata ed è equilibrata: troppo squilibrata a favore della Madre nei confronti del Figlio.
' FACCIO IL PUGILATO MA NON COME CHI BATTE L'ARIA' S.Paolo

#29 Drago Mavericks

Drago Mavericks

    avanzato :.

  • Membri
  • StellaStella
  • 237 Messaggi:

Inviato 25 ago 2008 - 12:05

non sempre la mariologia cattolica è stata ed è equilibrata: troppo squilibrata a favore della Madre nei confronti del Figlio.


Mah...
Io sono invece convinto che il tema della mariologia abbia importanza paritetica alla cristologia.
Senza Maria, infatti, non si arriverà mai a Cristo.

Eccoti alcune motivazioni: Dio Padre ha elargito al mondo il suo Figlio unigenito servendosi di Maria; ciò significa che, secondo un criterio meramente
filosofico, non è possibile accostarsi al Sacro Cuore abnegando l'importanza del Cuore Immacolato.
Nel mistero delle nozze di Cana, Gesù Cristo manifestò la sua gloria per il tramite di Maria (il miracolo, infatti, ebbe luogo in seguito alla seconda esortazione mariana).
Altresì, Dio Padre non avrebbe potuto pianificare il progetto di redenzione cristica in assenza della figura mariana ( << Io porrò inimicizia fra te e la donna >> ).
Ricordi la profezia di Simeone?
<< Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione affinchè siano svelati i pensieri di molti cuori; e anche a Te una spada trafiggerà l'anima >>.

Ciò significa che Maria partecipa attivamente nel progetto di salvezza eterna.
E di conseguenza, è corredentrice a pieno titolo.


Ci sarebbe molto da dire, ma non penso che sia questo il luogo giusto per farlo.
Ciao e buona giornata.

Modificata da Drago Mavericks, 25 ago 2008 - 12:09.


#30 muscle_priest

muscle_priest

    introdotto :.

  • Membri
  • Stella
  • 65 Messaggi:

Inviato 25 ago 2008 - 12:08

Mah...
Io sono invece convinto che il tema della mariologia abbia importanza paritetica alla cristologia.
Senza Maria, infatti, non si arriverà mai a Cristo.

Eccoti alcune motivazioni: Dio Padre ha elargito al mondo il suo Figlio unigenito servendosi di Maria; ciò significa che, secondo un criterio meramente
filosofico, non è possibile accostarsi al Sacro Cuore abnegando l'importanza del Cuore Immacolato.
Nel mistero delle nozze di Cana, Gesù Cristo manifestò la sua gloria per il tramite di Maria (il miracolo, infatti, ebbe luogo in seguito alla seconda esortazione mariana).
Altresì, Dio Padre non avrebbe potuto pianificare il progetto di redenzione cristica in assenza della figura di Maria ( << Io porrò inimicizia fra te e la donna >> ).
Ricordi la profezia di Simeone?
<< Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione affinchè siano svelati i pensieri di molti cuori; e anche a Te
una spada trafiggerà l'anima >>.


Ciò significa che Maria partecipa attivamente nel progetto di salvezza eterna.
E di conseguenza, è corredentrice a pieno titolo.


Ci sarebbe molto da dire, ma non penso che sia questo il luogo giusto per farlo.
Ciao e buona giornata.


tutto giusto quello che dici, ma come dici tu stesso: Maria esiste in relazione al Figlio
' FACCIO IL PUGILATO MA NON COME CHI BATTE L'ARIA' S.Paolo




Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi