Vai al contenuto


Foto

Libri


  • Effettua l'accesso per rispondere
Questa discussione ha avuto 205 risposte

#181 Mark

Mark

    esperto :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStella
  • 1954 Messaggi:

Inviato 02 nov 2016 - 19:52

1984 devo iniziarlo tra un po', me ne han parlato molto bene

#182 ortolano

ortolano

    avanzato :.

  • Membri
  • StellaStella
  • 464 Messaggi:

Inviato 02 nov 2016 - 20:31

Da poco ho letto "Martin Eden"di Jack London, stupendo. 



#183 magic man

magic man

    cuboide :.

  • magic
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • 16908 Messaggi:

Inviato 02 nov 2016 - 20:47

Da poco ho letto "Martin Eden"di Jack London, stupendo. 

 

Concordo, bellissimo.


"Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c'era rimasto nessuno a protestare" (Martin Niemöller)


#184 tucboro

tucboro

    esperto :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStella
  • 1937 Messaggi:

Inviato 02 nov 2016 - 21:06

Martin Eden è un capolavoro assoluto

#185 ortolano

ortolano

    avanzato :.

  • Membri
  • StellaStella
  • 464 Messaggi:

Inviato 03 nov 2016 - 04:03

Sempre di JAck London mi é piaciuto molto "Il vagabondo delle stelle", mentre mi ha un po deluso "Il tallone di ferro"



#186 Gentleman

Gentleman

    oracolo :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStellaStella
  • 3425 Messaggi:

Inviato 03 nov 2016 - 07:26

Da poco ho letto "Martin Eden"di Jack London, stupendo. 

bello, proprio qui, nell'altra sezione dei libri sul pugilato intendo segnalai un'ottima iniziativa con i libri di London come inserti a prezzi modici 👍

Ho male allo stomaco quando oggi i top fighters non combattono contro i migliori (Oscar de la Hoya)


#187 Erik

Erik

    .: mod :.

  • Erik
  • 8041 Messaggi:

Inviato 03 nov 2016 - 09:34

Jack London è una garanzia, qualcuno di voi ha letto La peste scarlatta ???  Se non lo avesse fatto lo consiglierei, si trova a bassissimo prezzo (anche meno di 3 euro), immaginate quando lo leggete che è stato scritto nel 1912 e pensate quanto fosse avanti questo scrittore ....


A war can be lost, but with dignity and loyalty. The yield and the betray brand for centuries people in front of the world
November, 1942

 

In the darkest hour, when the demons come, call on me brother and we will fight them together

Omaha Beach


#188 tucboro

tucboro

    esperto :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStella
  • 1937 Messaggi:

Inviato 03 nov 2016 - 18:00

Jack London è una garanzia, qualcuno di voi ha letto La peste scarlatta ???  Se non lo avesse fatto lo consiglierei, si trova a bassissimo prezzo (anche meno di 3 euro), immaginate quando lo leggete che è stato scritto nel 1912 e pensate quanto fosse avanti questo scrittore ....

 

Non lo conoscevo, grazie della segnalazione, accetto il consiglio



#189 magic man

magic man

    cuboide :.

  • magic
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • 16908 Messaggi:

Inviato 24 apr 2017 - 10:22

Nel periodo di preparazione della tesi ho trascurato un po' la lettura. Ora che ho più tempo ho ripreso di buona lena e proprio ieri ho finito "Il vangelo secondo Gesù Cristo" di Josè Saramago. Non mi è piaciuto moltissimo a dir la verità, anche se alcune parti (il dialogo a tre fra Gesù il Diavolo e Dio sulla barca su tutte) meritano e fanno pensare.

 

Ora mi dedico a una gaphic novel che una mia amica mi ha regalato per la laurea. Si intitola "Il pugile" e racconta la storia di Hertzko Haft, costretto a battersi nei campi di concentramento nazisti per divertire i suoi aguzzini e in seguito avversario di Rocky Marciano nel 1949. L'autore è Reinhard Kleist che si è ispirato alla biografia di Hertzko scritta dal figlio Alan Haft.


"Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c'era rimasto nessuno a protestare" (Martin Niemöller)


#190 el_matador

el_matador

    oracolo :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStellaStella
  • 3426 Messaggi:

Inviato 24 apr 2017 - 11:17

io consiglio di leggere:"medicine e bugie",scritto dal medico e divulgatore scientifico Salvo Di Grazia,davvero bello.


Modificata da el_matador, 24 apr 2017 - 11:17.

gZRN2Mf.png

 

"certo ci sono stati incidenti e morti nella boxe,ma niente di serio" (Alan Minter)


#191 Mark

Mark

    esperto :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStella
  • 1954 Messaggi:

Inviato 24 apr 2017 - 11:40

Io ho finito da poco "Nicolini racconta di pugili", bel libro

#192 magic man

magic man

    cuboide :.

  • magic
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • 16908 Messaggi:

Inviato 24 apr 2017 - 22:32

 

Ora mi dedico a una gaphic novel che una mia amica mi ha regalato per la laurea. Si intitola "Il pugile" e racconta la storia di Hertzko Haft, costretto a battersi nei campi di concentramento nazisti per divertire i suoi aguzzini e in seguito avversario di Rocky Marciano nel 1949. L'autore è Reinhard Kleist che si è ispirato alla biografia di Hertzko scritta dal figlio Alan Haft.

 

Ho divorato la graphic novel tra ieri e oggi. La storia è davvero interessante, non la conoscevo minimamente.


"Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c'era rimasto nessuno a protestare" (Martin Niemöller)


#193 magic man

magic man

    cuboide :.

  • magic
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • 16908 Messaggi:

Inviato 03 mag 2017 - 13:24

Ho letto "Il muggito di Sarajevo" di Lorenzo Mazzoni, che mi è stato regalato di recente. L'ho trovato davvero pessimo. Intreccio completamente irrealistico, personaggi poco credibili, dialoghi che sfiorano spesso la comicità involontaria e al netto dell'ambientazione (la Sarajevo assediata della guerra serbo-bosniaca), nessuno spunto di riflessione interessante. Sconsigliato.


"Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c'era rimasto nessuno a protestare" (Martin Niemöller)


#194 Erik

Erik

    .: mod :.

  • Erik
  • 8041 Messaggi:

Inviato 04 mag 2017 - 13:19

Centra poco, ma su Sarajevo ho letto qualche anno fa un libro, di cui ora non ricordo il titolo, mi era piaciuto, romanzo anche un pò giallo sulla miccia esplosa che scatenò la  Prima guerra mondiale


A war can be lost, but with dignity and loyalty. The yield and the betray brand for centuries people in front of the world
November, 1942

 

In the darkest hour, when the demons come, call on me brother and we will fight them together

Omaha Beach


#195 magic man

magic man

    cuboide :.

  • magic
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • 16908 Messaggi:

Inviato 04 mag 2017 - 13:21

Ora ho iniziato "La città ribelle - Il caso Napoli" di Luigi de Magistris.


"Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c'era rimasto nessuno a protestare" (Martin Niemöller)


#196 magic man

magic man

    cuboide :.

  • magic
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • 16908 Messaggi:

Inviato 01 giu 2017 - 18:55

Il libro di De Magistris è interessante. A mio parere emerge piuttosto chiaramente il suo sincero impegno nel fare tutto il possibile per risollevare le sorti della città di Napoli e la grande passione che ha caratterizzato i suoi mandati. Ci sono poi delle chicche notevoli sui rapporti burrascosi con i governi regionali e nazionali dalle quali si evince quanto sola si sia ritrovata l'amministrazione partenopea in questi anni, non soltanto non supportata ma persino vittima di molteplici tentativi di metterle i bastoni tra le ruote. Di contro talvolta ho trovato il tono utilizzato dal sindaco un po' troppo enfatico e tendente all'epos e la cosa mi ha fatto un po' sorridere, ma tutto sommato direi che è un difetto perdonabile.

 

Dopo aver terminato La città ribelle, in vista della mia imminente partenza per Cuba, dove forse visiterò la casa di Hemingway, ho letto il suo celebre romanzo "Per chi suona la campana" e l'ho trovato molto bello: appassionante sul piano narrativo è straordinariamente profondo nel mettere a nudo l'animo umano nel drammatico scenario della guerra (in questo caso la guerra civile spagnola). Alcuni dialoghi interiori del protagonista sono davvero struggenti nella loro umanità e manifestano l'eterno contrasto interiore comune a tanti uomini tra il perseguimento dei propri sogni e il sacrificio per il bene comune. "Addio alle armi" non mi piacque affatto (ma adesso mi viene il sospetto di averlo letto troppo presto, quando ero ancora ai primi anni del liceo), "Per chi suona la campana" invece lo consiglio vivamente.


"Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c'era rimasto nessuno a protestare" (Martin Niemöller)


#197 el_matador

el_matador

    oracolo :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStellaStella
  • 3426 Messaggi:

Inviato 24 lug 2017 - 09:36

qualcuno mi consiglia qualche libro serio su Monzon e su Foreman?


gZRN2Mf.png

 

"certo ci sono stati incidenti e morti nella boxe,ma niente di serio" (Alan Minter)


#198 magic man

magic man

    cuboide :.

  • magic
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • 16908 Messaggi:

Inviato 24 lug 2017 - 09:50

qualcuno mi consiglia qualche libro serio su Monzon e su Foreman?

 

Purtroppo non so aiutarti :(

 

 

Io ho appena finito "L'ombra del vento" di Carlos Ruiz Zafòn. La storia è molto avvincente e ben congegnata, non mi stupisce abbia avuto grande successo. Non è propriamente il mio genere, al netto dell'intreccio, suggestivo ed appassionante ma a tratti assai poco verosimile, ci ho trovato poco altro. Ottimo per l'intrattenimento, come valore letterario non gli darei voti troppo alti.

 

In precedenza ho letto "Il terrorismo degli Stati Uniti contro Cuba". Ho trovato interessante apprendere la storia dei cinque agenti segreti cubani vergognosamente detenuti per molti anni nelle carceri statunitensi dopo un processo farsa, le vicende legate agli attentati messi in atto dagli esuli cubani di stanza a Miami e molti altri aspetti torbidi che ruotano attorno alla faccenda. Il problema del libro è che essendo una raccolta di testimonianze di svariati autori alla lunga diventa piuttosto ripetitivo poiché in ogni contributo vengono ripetute affermazioni già presenti in quelli precedenti.

 

In un paio di giorni ho divorato anche "Un uomo bruciato vivo": un libro-intervista in cui Dario Fo dialoga con Florina Cazacu, donna rumena il cui padre, giunto in Italia da migrante irregolare, fu sfruttato e ucciso da un imprenditore edile senza scrupoli. Molto toccante e interessante per il modo in cui fa luce sui fenomeni di sfruttamento nei confronti dei migranti privi di documenti e quindi facilmente ricattabili.

 

Come prossimo libro sono indeciso tra "La lista di Schindler" e "Qualcuno volò sul nido del cuculo": ce li ho entrambi sul comodino, stasera vedrò quale dei due affrontare per primo.


"Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c'era rimasto nessuno a protestare" (Martin Niemöller)


#199 el_matador

el_matador

    oracolo :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStellaStella
  • 3426 Messaggi:

Inviato 24 lug 2017 - 10:02

io per il momento sono interessato a libri sulla boxe o sulla divulgazione scientifica.Comunque ho visto "Monzon.Il professionista della violenza"scritto da Torromeo.Quasi quasi...


gZRN2Mf.png

 

"certo ci sono stati incidenti e morti nella boxe,ma niente di serio" (Alan Minter)


#200 Mark

Mark

    esperto :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStella
  • 1954 Messaggi:

Inviato 25 lug 2017 - 19:28

Io ce l'ho matador, l'ho letto 2 anni fa circa....al momento non ricordo troppo, ma di torromeo avendo anche meraviglioso, joe frazier e i pugni degli eroi posso dirti che a me piacciono

#201 el_matador

el_matador

    oracolo :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStellaStella
  • 3426 Messaggi:

Inviato 25 lug 2017 - 19:45

mi sa che lo compro   :ok:


Modificata da el_matador, 25 lug 2017 - 19:46.

gZRN2Mf.png

 

"certo ci sono stati incidenti e morti nella boxe,ma niente di serio" (Alan Minter)


#202 Axxx

Axxx

    esperto :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStella
  • 1080 Messaggi:

Inviato 30 lug 2017 - 16:45

Morta la pagina?

Spero di no. Posso consigliare una cinquina a mio avviso imperdibile?

1984 di Orwell: scontatissimo ma visto che lo citano tutti senza averlo letto, ribadisco che va letto almeno una volta nella vita. Per un milione di ragioni.

Furore di Steinbeck: un concentrato di storia, poesia, studi sociali, economici e sociologici attraverso le strade del nord America in compagnia di Tom Joad. Leggerlo con in sottofondo the Ghost of Tom Joad é una specie di catarsi.

La versione di Barney di Richler: per il sottoscritto il personaggio letterario più poetico che possiate incrociare nelle vostre letture ed una storia di vita che vi assorbirà come nessun'altra.

Solomon Gursky é stato qui di Richler: il vero capolavoro letterario di Richler. Un'epopea familiare attraverso la storia del Canada, del Grande Nord e degli Inuit. Qui non c'è Barney ma c'è Solomon che attraversa un secolo di eventi storici che cambieranno il mondo. Talmente traboccante di informazioni e ricco di intrecci da necessitare di una lettura molto attenta (e carta e penna).

Educazione di una canaglia di Bunker: non certo un capolavoro letterario ma un incredibile affresco di vita di un outsider che ce l'ha fatta. Un ragazzino turbolento che affonda sempre più, le galere americane, la boxe, i bassifondi della LA del dopoguerra ma anche la Hollywood delle grandi stelle.

Al momento sto per cominciare 2666 di Bolano.

#203 magic man

magic man

    cuboide :.

  • magic
  • StellaStellaStellaStellaStellaStellaStella
  • 16908 Messaggi:

Inviato 16 ago 2017 - 01:17

Consigli interessanti Axxx. Dei libri che hai citato ho letto solo 1984. De "La versione di Barney" ho visto il film invece. Gli altri tre non li conoscevo.

 

Io proprio oggi ho finito La lista di Schindler. Come tutti i libri sull'olocausto in molte parti mette un'angoscia terribile, ma è davvero interessante. Rispetto ad opere scritte dal punto di vista esclusivo dei prigionieri allarga il campo al modo di vivere degli ufficiali tedeschi. Keneally ha svolto ricerche davvero approfondite per poi porre la biografia in forma di romanzo; il risultato secondo me è eccellente. Nel prossimo futuro mi procurerò anche il film che fino ad oggi mi sono sempre rifiutato di vedere volendo prima leggere il libro da cui è tratto.

 

Precedentemente ho letto "Qualcuno volò sul nido del cuculo". Bellissimo. Mi sono confrontato con mia sorella che ha visto il film con Jack Nicholson e da quanto mi ha detto nella pellicola il finale perde un po' il senso di speranza e di "vittoria" che si percepisce leggendo il romanzo. 


"Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c'era rimasto nessuno a protestare" (Martin Niemöller)


#204 RomanMax

RomanMax

    introdotto :.

  • Membri
  • Stella
  • 101 Messaggi:

Inviato 16 ago 2017 - 09:21

La versione di Barney e' un libro epico, reale, che ho letto ormai molti anni fa.  Mi e' rimasto nella testa quel suo continuo tentativo di ricordare come si chiama un cucchiaio.

 

Se state cercando letture ' leggere, consiglio la biografia di Bruce Springsteen. Un libro sincero, scritto con modestia ma che evidenzia la voglia di emergere e di eccellere del musicista del New Jersey.



#205 Axxx

Axxx

    esperto :.

  • Membri
  • StellaStellaStellaStella
  • 1080 Messaggi:

Inviato 23 ago 2017 - 11:59

Consigli interessanti Axxx. Dei libri che hai citato ho letto solo 1984. De "La versione di Barney" ho visto il film invece. Gli altri tre non li conoscevo.

 

Io proprio oggi ho finito La lista di Schindler. Come tutti i libri sull'olocausto in molte parti mette un'angoscia terribile, ma è davvero interessante. Rispetto ad opere scritte dal punto di vista esclusivo dei prigionieri allarga il campo al modo di vivere degli ufficiali tedeschi. Keneally ha svolto ricerche davvero approfondite per poi porre la biografia in forma di romanzo; il risultato secondo me è eccellente. Nel prossimo futuro mi procurerò anche il film che fino ad oggi mi sono sempre rifiutato di vedere volendo prima leggere il libro da cui è tratto.

 

Precedentemente ho letto "Qualcuno volò sul nido del cuculo". Bellissimo. Mi sono confrontato con mia sorella che ha visto il film con Jack Nicholson e da quanto mi ha detto nella pellicola il finale perde un po' il senso di speranza e di "vittoria" che si percepisce leggendo il romanzo. 

 

Grazie Magic. Adoro leggere, anche se vado a momenti.

 

La versione di Barney è un bel film, ma la differenza tra libro e film è schiacciante. Se volessi risultare eccessivo ti direi che chiunque abbia letto il libro odia il film. In realtà non è così ma, fidati, il libro e il protagonista (oltre all'autore) potresti finire per amarli. E' pieno di sfumature, sul Canada, su Parigi, sugli Ebrei, su un certo intellettualismo radical-chic (ebbene si, anche in Canada), sulla vita, sulla sorte, sulle donne. E' traboccante di vita, ecco, credo sia la definizione giusta. Un po' come Solomon Gurski è traboccante di storia.

 

La lista di Schindler non l'ho mai letto. Ho visto solo il film. Mi piace molto Liam Neeson (quando non faceva sempre l'eroe rinnegato), un po' meno Spielberg di cui apprezzo poco i messaggi. Tralascio ogni giudizio ad ogni modo, guardatelo: credo vada visto, per lo meno una volta.. Sul resto, mi dirai.

Dell'autore, Keneally, non ho mai letto nulla. 

Qualcuno volò sul nido del cuculo idem, ho visto solo il film. Non conosco il libro. Ti posso dire che il film è veramente intenso. Idem come sopra, meglio se te lo vedi. Non voglio spoilerare. Secondo molti il film è meglio del libro. Complice un Nicholson da ricordare.

 

 

La versione di Barney e' un libro epico, reale, che ho letto ormai molti anni fa.  Mi e' rimasto nella testa quel suo continuo tentativo di ricordare come si chiama un cucchiaio.

 

Se state cercando letture ' leggere, consiglio la biografia di Bruce Springsteen. Un libro sincero, scritto con modestia ma che evidenzia la voglia di emergere e di eccellere del musicista del New Jersey.

 

Era il mestolo, se non sbaglio. Nella versione originale era lo scolapasta, ma ricordarsi come si chiama quell'aggeggio "per scolare la pasta" suonava assurdo. Perciò è divenuto il mestolo. Per il resto concordo. Un libro da leggere. Se ti piace Bruce Springsteen (specie quello acustico), vale il consiglio di cui sopra, Furore di Steinbeck! Ti piacerà (quasi) sicuramente. 


Modificata da Axxx, 23 ago 2017 - 17:12.


#206 doctord

doctord

    avanzato :.

  • Membri
  • StellaStella
  • 338 Messaggi:

Inviato 14 ott 2017 - 10:57

Sono stato alla presentazione del nuovo libro di Saviano: "Bacio Feroce", che si pone come il secondo capitolo della Paranza. Personalmente, non lo sopporto quando fa il giornalista/"politico", mentre durante la presentazione ha divagato poco sul resto, concentrandosi sulla Camorra e su ciò che sa fare meglio: lo scrittore di romanzi sulla Camorra.

 

Segnalo inoltre l'uscita del secondo libro di Roberto Burioni, "La congiura dei somari". Purtroppo non l'ho ancora letto, ma sicuramente meriterà! :)






Leggono questa discussione 0 utenti

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi